RR zona 20 Alina. viale Certosa.
Salve Visitatore New posts New replies
1359966 Post - 160727 Topic - 221969 Utenti

Autore Topic: RR zona 20 Alina. viale Certosa.  (Letto 3334 volte)

Offline grainpaper

RR zona 20 Alina. viale Certosa.
« il: 2018 Ottobre 31, 12:06:38 pm »
- Link: https://gnoccaforum.com/escort/EscortForum.php?URL=aHR0cHM6Ly9nbm9jY2Fmb3J1bS5jb20vZXNjb3J0L0VzY29ydEZvcnVtLnBocD9VUkw9YUhSMGNITTZMeTkzZDNjdWNtOXpZUzF5YjNOellTNWpiMjB2WVc1dWRXNWphUzluYVhKc2N5OXRhV3hoYm04dllXeHBibUV0WjJseWJITXRZV05qYjIxd1lXZHVZWFJ5YVdObExTMU5WR2Q0VFVSTmRGa3lSWGhQVkdjMExtaDBiV3c9
- Nome: Alina.
- Età: 25 non oltre credo.
- Nazionalità: Russa.
- Descrizione fisica: 1.60, burrosa, seno generoso, corpo appena entrato nell’età matura.
- Conformità annuncio: 100%.
- Attitudine: leggermente malinconica, forse timida.
- Località: Milano.
- Sigle: BJ, RAI1.
- Sigle concordate: nessuna, sono andato alla cieca anche questa volta.
- Rate: 1VU+20 per 30 min. 2VU+10 per 60 min.
- Rate concordato: 1VU+20 per 30 min.
- Reperibilità: Buona.
- Barriere Architettoniche: Scale.
- INDEX: IDXb37811e5bd7e97e698b7d2cae94854e8


“Splendida giovane russa novità a Milano!” recita l’annuncio.
Novità mica tanto, l’avevo già incontrata mesi indietro sempre a Milano.
Le nuove foto però sono molto più invitanti. Ma anche quelle vecchie non scherzavano affatto.
Mi ricorda vagamente una mia ex compagna di classe delle medie con la quale giocai al dottore.
So già quindi cosa trovarmi, comunque chiamo. Credo di aver parlato con una centralinista.
Snocciola le tariffe, accetto, vado.
Adiacente al portone c’è un kebab, quasi quasi dopo…..
Arrivo alla sua porta, mi apre nascosta come da protocollo.
In lingerie rosso e nero…...apprezzo.
Onoro in anticipo il servizio e vado in bagno. Torno, è nuda! Bella.
La sottile catenina posa sul suo collo tre piccoli brillantini uno al centro, appena sopra lo sterno, le altre due sotto la clavicola destra.
A sinistra una frase tatuata.
Guardo meglio, non c’è nessuna catenina! Le tre pietre sono dei cleavage piercing!
Speriamo che non si incastrino con i miei peli.
Il suo fisico mi ricorda il quadro “La sorgente” 1856 di Jean Auguste Dominique Ingres. L’anfora però è sostituita da due discrete borracce con capezzoli poco sporgenti e rosei.
Più in basso poi è completamente depilata. E si sente che il trattamento è avvenuto da pochissimo.
La sdraio sul letto, baci.
Poi mi incapuccia con un preservativo di colore rosso che me lo fa assomigliare ad un gonfio San Marzano ma per fortuna un pochino più lungo.
Inizia un BJ ben fatto. Io intanto vado ad esplorare la sua terrina.
La zona come ho detto è depilata da poco, quindi tutto liscio al tatto. Le piccole labbra sono chiuse. Nulla sporge. L grandi labbra aderiscono perfettamente. Sembra che questa sia la vulva preferita dalle donne. Io in realtà la amo in tutte le varianti. Soprattutto con le piccole labbra leggermente sporgenti.
Mi faccio strada delicatamente con le dita lavate poco prima. Appare il prepuzio clitorideo e poi il clitoride. Si schiudono le piccole labbra. Spettacolo.
L’universo è grande e ricco di meraviglie ma una vulva schiusa ti lascia incantato.
Nessun odore, inizio un daty. Mentre lei continua il suo BJ.
Adesso voglio entrare in lei. Al centro del letto, sdraiata sotto di me, il suo seno generoso si allarga.
Mi guida dolcemente con la mano. Io entro.
Continuiamo così per qualche tempo, poi porto le sue ginocchia sulle mie spalle. Ottima questa posizione, forse un po’ scomoda per lei. Le concedo la libertà di una coscia che scende in posizione di riposo. Anche questa è una posizione molto efficace. Ed è così che arrivo alla conclusione.
Lei s alza, va a lavarsi e torna nuda, ma leggo sul suo volto una leggera espressione di disagio.
Freddo! Patisce il freddo. Infatti le dico in inglese di non restare nuda ma di mettersi una t-shirt.
Sparisce nella stanza adiacente e torna indossando un maglioncino largo che le nasconde le mani e arriva fino a metà coscia.
….Ma sotto è nuda! Così è ancora più eccitante, infatti qualcosa si accende ancora in me, ma è ora di andare.
Prevedo un prossimo incontro dove farò in modo che mi accolga con quel bel maglioncino come unico indumento.
Mentre scendo due soggetti discutono in arabo al pian terreno sul retro del kebab.
Giusto, il kebab!
No, sono sazio, non mi serve altro.
"Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci. E non è tanto per dire."


 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110