Salve Visitatore New posts New replies
1427464 Post - 175084 Topic - 228526 Utenti

Autore Topic: Call me, baby...  (Letto 2225 volte)

Offline Stantiòn

  • Sr. Member
  • ***
  • Post: 376
  • Karma: 457
  • Qualsiasi cosa tu faccia, falla con stile.
  • Chatta con me
Call me, baby...
« il: 2012 Aprile 25, 01:22:22 am »

Stasera mi concedo un po’ di cazzeggio. E siccome mi piace scrivere, apro un post semi-serio (più semo che serio) sulla telefonata del Punter. Nella mia ormai biennale carriera (ho iniziato circa due anni fa questa avventura) di Punter mi son fatto un po’ di esperienza sulla ‘telefonata’ alle girls. Uno degli errori frequenti è quello di sottovalutare i piccoli particolari che una telefonata può rivelare. I particolari, spesso, fanno la differenza tra un appuntamento piacevole e un missile, tra un incontro emozionante e un pacco bestiale. Non è mia intenzione fare un trattato della telefonata perfetta, ma imparare alcuni trucchi può aiutare a rendere più efficace la nostra scelta. Evitare errori banali è già un primo passo verso una migliore scrematura del nostro campo di azione.
Vediamo alcune tipologie di telefonata, ricordando sempre che la voce che ci risponde appartiene a una persona come noi, coi suoi pregi e suoi difetti, con le sue aspettative e le sue giornate storte. Una persona che fa quel lavoro per mille ragioni diverse, ma che merita rispetto. E se, a volte, qualcuna mente sulla sua identità (fakes) non per questo dobbiamo abbassare il nostro stile. Lo stile fa sempre la differenza, secondo il mio modo di vedere.

1 - Telefonata a una girl che conosciamo indirettamente grazie a recensioni o dritte di amici. Il rischio fake è nullo.
In questo caso può essere utile iniziare la telefonata con una premessa del tipo: “Ciao cara... ti chiamo perché un mio amico mi ha parlato molto bene di te...” Intanto portiamo subito a casa due cose: A) l’interesse della girl che sarà sorpresa da una telefonata diversa dalle altre; B) la gratifichiamo facendole sapere che in giro si parla bene di lei. Mica poco, per sole 5 o 6 parole di apertura... no? Inoltre, lasciamo la porta aperta a un possibile vantaggio: se la girl è abituata a variare la quantità di rose richieste, forse proporrà (uso il condizionale) un trattamento equo (non uso il termine ‘previlegiato’ perché questo dipende da molti fattori, non ultimo la nostra simpatia e abilità di persuasione).
2 – Telefonata a una girl che non conosciamo, ma che valutiamo basso il rischio fake.
Qui può essere utile sapere prima la nazionalità della girl. La ‘latina’ (brasiliana, argentina, spagnola) tendenzialmente è più predisposta al dialogo rispetto alle girls dell’Est. Questo non è un assioma assoluto, ma soltanto una tendenza che ho riscontrato. Ho trovato brasiliane sbrigative e poco friendly, così come russe sorridenti e affettuose: l’eccezione esiste sempre. Però, di base, il carattere latino è più solare e amichevole. Perciò, con le ‘latine’ io uso questa strategia: dopo le prime parole, passo subito a un bluff (una specie di ‘amo’, per intenderci) dico cioè che una sua amica mi ha parlato bene di lei, e quindi volevo verificare se si tratta della stessa persona. Pertanto, dico: “Senti cara... voglio essere sicuro di incontrare proprio te, e non un’altra... mi assicuri che le foto sono davvero le tue?” Se ci pensate, è molto diverso che chiedere direttamente: “Oh, ma sei tu quella delle foto?” C’è una differenza sottile nelle due domande: una responsabilizza la girl a non mentire; la seconda, invece, presuppone un semplice ‘sì’ oppure ‘no’... e quindi non ci regala alcuna informazione utile oltre quella del nostro ‘istinto’. E l’istinto, spesso, sbaglia. Anche perché molte di queste girls hanno una esperienza sull’arte del mentire che noi ce la sogniamo. Con le ragazze dell’Est, il trucco funziona meno perché sono, in genere, più diffidenti e meno disposte al dialogo e all’ascolto. Sono abituate ad andare subito al sodo, pertanto meno parole si dicono e più breve è la telefonata, meglio è. Qui io uso uno schema diverso: “Ciao (niente ‘cara’ perché una girl asciutta preferisce un linguaggio asciutto) ho visto le tue foto su... mi piaci molto e vorrei incontrarti. Ho solo un dubbio...” Lei risponderà ‘quale?’ ovviamente... “Beh, non voglio perdere tempo e non voglio farlo perdere a te, perciò dimmi sinceramente se sei tu oppure no.” Ho sperimentato che essere diretti è spesso vincente. Certo questo non evita del tutto il rischio fake, ma anche qui responsabilizza in qualche modo la girl su un concetto importante: io non ho tempo da perdere, esattamente come te. E dal momento che queste ragazze basano la loro vita e il loro guadagno sul ‘tempo’, di certo sono sensibili a questo concetto.
3 – Telefonata a una girl che non conosciamo, e il rischio fake è molto alto.
E’ senza dubbio la telefonata più difficile, perché dobbiamo trarre più informazioni possibili in pochi secondi. Punto primo: “Se la girl parte con “Ammmmmoreee...” (numero imprecisato di M...) non è, di base, un gran segnale. evidentemente punta sulla simpatia e sull’empatia che riesce a infondere. La domanda è: se lei è una bella ragazza e le foto sono sue, che bisogno ha di essere così ‘zuccherina’ al telefono? Semmai ha l’esigenza contraria, cioè quella di scremare il più possibile e capire se chi la sta chiamando è un tipo deciso a incontrarla oppure un curiosone perditempo. Qui apro una parentesi... perché se è vero che molte girls tirano ‘pacchi’, è pur vero che molte altre sono tempestate ogni giorno di telefonate (non sempre piacevoli) di fankazzisti in vena di scherzi, o peggio. Chiusa parentesi... Dicevamo, una girl gradevole al telefono ci dispone subito bene, ma occhio alle eccessive dimostrazioni di affetto. “Ammmmoreeee”..? ma se manco ci conosciamo? ;) Comunque sia, esistono anche ragazze autentiche che fanno il loro lavoro con gioia e non va confusa la loro naturale simpatia col rischio di un fake.
Un altro modo per avere informazioni è quello di chiedere: “Scusa, ma... le foto che vedo sono recenti?” Per mia esperienza, la girl può rispondere in due modi: uno secco, e uno che ‘ribadisce’ con forza l’autenticità. La domanda che mi sono posto è: se io fossi in lei, e qualcuno mi chiedesse se le foto sono mie davvero, come reagirei? Se le foto non sono le mie, io direi: “Sì... sì..” Se invece sono davvero le mie, direi: “Sì guarda sono recenti, le ho fatte due mesi fa...” anche qui non c’è certezza matematica, ma io mi fido di più di una che ‘ribadisce’ con forza il concetto: evidentemente, non ha nulla da nascondere (oppure è una brava attrice che conosce le tecniche di... marketting...).
Infine, ci sono girls che parlano (o fingono di parlare) poco l’italiano. Qui l’impresa è ardua perché la quantità di informazioni ricavabili è minima. Se una conosce poco la lingua, evidentemente parlerà a monosillabi, dunque non è il caso di insistere in italiano. Meglio chiedere se parla inglese (chi non sa due parole in inglese oggi?) e magari provare un: “Sorry baby, photos are really yours?” Non è granché, ma è meglio di niente...

P.S 1: Ho inserito il post in questa sezione perché penso sia attinente all’argomento fakes. Spero di aver fatto la scelta giusta.
P.S 2: Questo post non ha la pretesa di insegnare nulla a nessuno. Avevo solo un po’ di tempo e poco sonno, e mi piaceva condividere col forum queste mie valutazioni. Se qualcuno ha qualche idea da aggiungere o suggerire, è il benvenuto perché tutto è migliorabile. Notte... ;)


Offline AlFurastir

Re:Call me, baby...
« Risposta #1 il: 2012 Aprile 25, 11:22:27 am »
Piccolo problema:

tu le (vi prego: usate il "le" !) dici che un amico ti ha parlato bene di lei ... e la girl ribatte: "Chi è ?" ... tu poi come vai avanti ?

Offline Stantiòn

  • Sr. Member
  • ***
  • Post: 376
  • Karma: 457
  • Qualsiasi cosa tu faccia, falla con stile.
  • Chatta con me
Re:Call me, baby...
« Risposta #2 il: 2012 Aprile 25, 23:34:39 pm »
Piccolo problema:

tu le (vi prego: usate il "le" !) dici che un amico ti ha parlato bene di lei ... e la girl ribatte: "Chi è ?" ... tu poi come vai avanti ?

di solito non chiedono 'chi è'... ma se lo chiedono, io sparo un nome molto diffuso, tipo Marco oppure Paolo. Bluffo, insomma. Anche perché con tutti gli uomini che incontrano, non credo che ricordino tutti i nomi... ;)

 

Sitemap 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174